• libertus65

36 - LA TEORIA SOCIALE DEL LIBERALISMO È LA NEGAZIONE DEL DARWINISMO SOCIALE

Aggiornato il: 5 ott 2020


LA TEORIA SOCIALE DEL LIBERALISMO È LA NEGAZIONE DEL DARWINISMO SOCIALE

da "Socialismo", di Ludwig von Mises , 1922, pag. 353-354


È ben noto che il darwinismo subì l'influenza del "Saggio sul principio della popolazione" di Malthus.

Tuttavia Malthus è ben lontano dal considerare la lotta come un'istituzione sociale necessaria.

Persino Darwin, quando parla della lotta per l'esistenza, non sempre intende il combattimento distruttivo tra creature viventi, la lotta per la vita o per la morte per accaparrarsi territori, cibo e femmine.

Egli usa spesso l'espressione in senso figurato, per mostrare la dipendenza degli esseri viventi l'uno dall'altro e dalle loro condizioni ambientali.

È un errore prendere l'espressione in senso del tutto letterale dal momento che si tratta di una metafora.

Il fraintendimento è ancora più grave quando si uguaglia la lotta per l'esistenza con la guerra di sterminio tra esseri umani, e si procede a costruire una teoria sociale fondata sulla necessità della lotta.

La teoria della popolazione di Malthus - per quanto i suoi critici, estranei alla sociologia, l'abbiano sempre dimenticato - non è nient'altro che una parte della dottrina sociale del liberalismo.

Solo in tale quadro può essere compresa.

Il nocciolo della teoria sociale liberale è la teoria della divisione del lavoro.

Solo in stretto rapporto con essa, si può impiegare la legge della popolazione di Malthus per interpretare le condizioni sociali.

La società è l'unione degli esseri umani per il miglior sfruttamento delle condizioni naturali dell'esistenza.

Nella sua vera essenza, la società è l'abolizione della lotta tra gli esseri umani, che viene sostituita con l'aiuto reciproco, aiuto che costituisce la motivazione fondamentale di tutti i membri riuniti in un organismo.

Dentro i limiti della società non c'è lotta ma solo pace.

Ogni lotta in effetti sospende la cooperazione sociale.

La società in quanto intero, in quanto organismo, può combattere una lotta per l'esistenza contro forze ostili.

Ma all'interno, in quanto la società ha relazionato compiutamente gli individui, non può esserci che collaborazione.

Ciò perché la società non è nient'altro che collaborazione.

All'interno della società moderna persino la guerra non riesce a spezzare tutti i legami sociali.

In una guerra tra Stati, che riconoscono la forza vincolante del diritto internazionale, restano sempre alcuni legami, per quanto indeboliti.

Così un frammento di pace sopravvive anche in tempo di guerra.

La proprietà privata dei mezzi di produzione è il principio regolatore che, all'interno della società, assicura l'equilibrio tra il numero limitato di mezzi di sussistenza di cui la società dispone e la più rapida crescita del numero dei consumatori.

Facendo dipendere la quota di prodotto sociale riservata a ciascun membro della società dal prodotto economico che gli è attribuibile, cioè dal suo lavoro e dalla sua proprietà, si rimpiazza con una diminuzione del tasso di natalità, come conseguenza della pressione sociale, l'eliminazione attraverso la lotta per l'esistenza di esseri umani eccedenti, così come accade violentemente nel regno animale e vegetale.

Il "freno morale", la limitazione della prole imposta dalla posizione sociale, rimpiazza la lotta per l'esistenza.

Nella società non c'è lotta per l'esistenza .

Sarebbe un grave errore supporre che le conseguenze logiche della teoria sociale del liberalismo possano condurre a una conclusione diversa.

Certe espressioni isolate del saggio di Malthus, che potrebbero permettere un'interpretazione diversa, si spiegano facilmente per mezzo della prima redazione insufficiente della sua famosa opera, scritta prima di aver completamente assimilato lo spirito dell'economia politica classica .

Come prova che la sua dottrina non permette altra interpretazione, può essere sottolineato il fatto che, prima di Darwin e Spencer, nessuno si era permesso di considerare la lotta per l'esistenza (nel senso moderno dell'espressione) come un principio in atto all'interno della società umana.

46 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

43 - LA REGOLARITÀ DEI FENOMENI DEGLI EVENTI SOCIALI

da "L'Azione Umana", di Ludwig von Mises, 1949, Introduzione, pag.45-46 I filosofi sono stati per lungo tempo ansiosi di scoprire i fini che Dio o la natura tenta di realizzare nel corso della storia

42 - GOVERNO DEGLI UOMINI E GOVERNO DELLA LEGGE

di Lorenzo Infantino, dalla Prefazione de "L'Azione Umana" di Ludwig von Mises, pag.15-18 Platone ha sostenuto che "non c'è nulla di più pericoloso del mutamento". Comte ha visto nella società basata

Join my mailing list

© 2023 by The Book Lover. Proudly created with Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now