• libertus65

45 - LA CIVILTÀ DIPENDE DALL'ORDINE ESTESO DELLA COOPERAZIONE UMANA

Aggiornamento: 7 dic 2020

da "La presunzione fatale - Gli errori del socialismo", di Friedrich von Hayek, 1988, Introduzione, pag. 33-34


Questo libro sostiene che la nostra civiltà dipende, non soltanto nella sua origine, ma anche per la sua conservazione, da quello che può essere esattamente descritto solo come "l'ordine esteso" della cooperazione umana, un ordine più comunemente e forse non correttamente conosciuto come capitalismo.

Per capire la nostra civiltà si deve comprendere che questo ordine esteso non è derivato da un disegno o da un'intenzione umana ma è un risultato spontaneo.

Esso è sorto dal conformarsi intenzionalmente a certe pratiche tradizionali e in larga misura morali, molte delle quali gli uomini tendono a detestare, il cui significato spesso non riescono a comprendere, la cui validità non possono provare e che tuttavia si sono diffuse abbastanza rapidamente tramite una selezione evolutiva - l'aumento relativo della popolazione e della ricchezza - di quei gruppi a cui è capitato di seguirle.

L'adozione inconsapevole, riluttante e anche dolorosa di tali pratiche ha tenuto questi gruppi insieme, ha aumentato il loro accesso a preziose informazioni di tutti i tipi e ha permesso loro di "essere fecondi, moltiplicarsi, riempire la terra e sottometterla" (Genesi 1, 28).

Questo processo è probabilmente l'aspetto meno compreso dell'evoluzione umana.

40 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

43 - LA REGOLARITÀ DEI FENOMENI DEGLI EVENTI SOCIALI

da "L'Azione Umana", di Ludwig von Mises, 1949, Introduzione, pag.45-46 I filosofi sono stati per lungo tempo ansiosi di scoprire i fini che Dio o la natura tenta di realizzare nel corso della storia

42 - GOVERNO DEGLI UOMINI E GOVERNO DELLA LEGGE

di Lorenzo Infantino, dalla Prefazione de "L'Azione Umana" di Ludwig von Mises, pag.15-18 Platone ha sostenuto che "non c'è nulla di più pericoloso del mutamento". Comte ha visto nella società basata

37 - IL CRISTIANESIMO PRIMITIVO E LA SOCIETÀ

IL CRISTIANESIMO PRIMITIVO E LA SOCIETÀ da "Socialismo" di Ludwig von Mises, 1922, pag. 457-461 Il cristianesimo primitivo non era ascetico. Con gioiosa accettazione della vita, esso deliberatamente